Archives

Bolgheri

Bolgheri – tra storia e vino

16Ott

Bolgheri è un bellissimo borgo medievale immerso nelle verdi colline toscane divenuto famoso grazie ai vini che vi vengono prodotti divenuti di fama internazionale.

Un valido esempio è sicuramente quello del Sassicaia, un vino pregiatissimo conosciuto in Italia e nel mondo. Ma tanti sono i vigneti presenti in questo territorio, da quelli più antichi a quelli più giovani.

Anche da qui passa la Strada del Vino e dell’Olio della Costa degli Etruschi, un itinerario gastronomico, naturalistico e storico alla scoperta dei prodotti locali, delle colline e dei borghi antichi.

Per arrivare al castello di Bolgheri attraverserete strade immerse nei vigneti della campagna toscana, fino ad arrivare al famoso Viale dei Cipressi.

Qui si trova il bellissimo viale costeggiato da cipressi nominato e elogiato da Giosuè Carducci nella sua poesia.

Attraverso questo viale arriverete al Castello di Bolgheri, scorgerete dietro gli alberi questa bellissima struttura di mattoni rossi da cui si accede al centro del paese.

L’antico borgo è ricco di vicoli, stradine e case in pietra. A Bolgheri potrete gustarvi l’ottimo vino prodotto proprio in questa zona grazie alle tante enoteche e assaporare i prodotti tipici nei ristoranti o nei bar.

Bolgheri vi offrirà gustose tradizioni culinarie accompagnate dal suo rinomatissimo vino e dalla bellezza del paesaggio Toscano.

Isola del Giglio

Isola del Giglio, un piccolo paradiso

18Set

L’Isola del Giglio è la seconda isola per grandezza dell’Arcipelago Toscano. Circondata dal mare cristallino è abitata solo per il 10% ed è molto apprezzata dai turisti sopratutto nel periodo estivo.

Tanti visitatori vengono attratti dalle belle spiagge dell’Isola del Giglio che, d’estate, si popolano di bagnanti alla ricerca del relax. Ma anche di appassionati di immersioni grazie ai fondali ricchi di fauna e alle bellissime acque limpide.

All’interno dell’Isola del Giglio, immersi nel verde, si trovano diversi sentieri ed itinerari percorribili a piedi, in bicicletta e a cavallo.

Gli appassionati di trekking potranno esplorare la natura incontaminata dell’Isola del Giglio e andare alla scoperta di punti panoramici dove godersi la vista dell’isola.

La parte abitata dell’isola si divide in tre centri: la parte più conosciuta è sicuramente Giglio Porto, dove tutte le navi attraccano, è l’unico porto dell’isola. È una zona molto pittoresca grazie alle sue case colorate, ai pescatori e ai negozi di souvenir.

L’Isola del Giglio è “sorvegliata” dall’alto dal borgo di Giglio Castello, costruito durante il medioevo e passato in mano agli Aldobrandeschi, che costruirono la rocca, e successivamente alla famiglia Medici.

Infine troviamo la parte più moderna, che si è costituita negli ultimi decenni grazie al turismo; Giglio Campese si trova vicino alla famosa spiaggia rossa dove si possono trovare locali, ristoranti e bar.

Durante l’estate si svolgono feste di paese e sulla spiaggia, come quelle per i patroni dei tre centri abitati dell’isola.

Il 10 e il 16 Agosto e il 15 Settembre vengono organizzate feste che comprendono palio, spettacoli, musica e fuochi d’artificio.

L’Isola del Giglio è un incantevole angolo di paradiso dove passare del tempo prendendo il sole o passeggiando al fresco godendosi le meraviglie naturali di quest’isola toscana.

Isola d'Elba

Isola d’Elba, tra storia e relax

14Ago

L’Isola d’Elba è l’isola più grande dell’Arcipelago Toscano ed è conosciuta per le sue belle spiagge dorate e il suo mare azzurro.

Sulle sue coste si trovano golfi e promontori e fa parte del Parco nazionale Arcipelago Toscano, una delle più grandi aree marine protette d’Europa.

All’arrivo a Portoferraio, porto principale dell’Isola, troviamo due grandi forti che sorvegliano dall’alto la costa; sono il Forte Falcone e il Forte Stella, costruiti dalla famiglia Medici facevano parte della rete di strutture a difesa dell’isola.

Oltre alle spiagge ed al turismo balneare, l’Isola d’Elba è ricca di testimonianze storiche da scoprire; come la Palazzina dei Mulini a Portoferraio, una delle due residenze di Napoleone che si trovano sull’Isola d’Elba.

Si trova tra i due forti, di costruzione precedente all’arrivo dell’imperatore venne riadattata da lui e utilizzata per ricevimenti e feste.

La struttura è aperta alle visite, e al suo interno si trovano gli arredi originali e si può passeggiare nei bellissimi giardini della villa.

Sul promontorio affacciato su Portoferraio si trova un altro dei tanti luoghi d’importanza storica dell’Isola d’Elba, la Villa Romana delle Grotte.

Un’antica domus romana che comprendeva due livelli con giardino, piscine e bagni termali.

Questi sono solo alcuni dei tanti posti da esplorare sull’Isola d’Elba, un luogo che offre il relax delle spiagge dorate e delle calette e il fascino della storia antica.

Cavallino Matto, divertimento in Toscana

17Lug

In Toscana, a Marina di Castagneto Carducci, si trova un grande parco divertimenti, il più ecocompatibile del Centro Italia: Il Cavallino Matto.

Nato come un normale parco giochi nel 1967, si trova nella bellissima pineta, a poche centinaia di metri dalle bellissime spiagge dorate della costa toscana.

Il Parco Cavallino Matto si fonde perfettamente con la natura circostante. Grazie alle sue moderne attrazioni e alla sua particolare location, attira ogni anno famiglie, bambini e ragazzi.

Durante gli anni il parco di è sviluppato ed è cresciuto, adesso al suo interno si trovano ottovolanti, montagne russe e una funicolare che vi farà fare un giro del Cavallino Matto dall’alto.

Inoltre, il parco comprende una discesa su tronchi tra le cascate e un percorso in jeep, oltre alla classica giostra con i cavalli e alle strutture in legno dove i bambini più piccoli possono arrampicarsi e scivolare in sicurezza.

Da qualche anno l’ambiente è stato rinnovato e adesso verrete accolti da un mondo magico e colorato. Hanno introdotto anche un cinema 4D e ogni giorno lo staff di animatori del Cavallino Matto mette in scena spettacoli dal vivo.

Grazie al Cavallino Matto potrete passare delle fresche ore di divertimento nella bellissima cornice della pineta di Castagneto Carducci!

Foto: Emanuele TaddeiBaia dei BucanieriCC BY-SA 3.0

La Costa degli Etruschi

La Costa degli Etruschi

12Giu

Il tratto di costa che si trova tra le province di Livorno e Piombino è conosciuta come Costa degli Etruschi, chiamata così per la presenza di questo popolo in quest’area già dal IX secolo a. C.

Si trovano, infatti, diverse testimonianze del passaggio degli etruschi sul territorio; tracce di vita quotidiana che potrete incontrare anche solo passeggiando in queste zone.

La Costa degli Etruschi offre parchi e riserve naturali dove poter rivivere la storia di questo popolo, uno dei più famosi è sicuramente il Parco Archeologico di Baratti e Populonia sulla Costa degli Etruschi, dove si trovano importanti testimonianze e reperti archeologici che creano un vero e proprio museo a cielo aperto.

La Costa degli Etruschi è apprezzata e visitata ogni anno da moltissimi turisti grazie alle sue bellissime spiagge e al mare limpido.

Le pinete fanno da cornice a larghe spiagge dorate e spiagge di ciottoli e scogli dove potrete godervi il sole, inoltre, sotto l’acqua cristallina, si possono scorgere anche i resti dell’antica via Aurelia.

Tanti sono i servizi che si trovano sulla Costa degli Etruschi, stabilimenti balneari e spiagge libere ma anche tratti di spiaggia dedicata agli sport acquatici.

La Costa degli Etruschi è un luogo di relax adatto agli amanti della spiaggia e del mare, ma è perfetto anche per chi ama la storia e la natura!

Foto: AlMarePopulonia Necropoli di San Cerbone TombaCC BY-SA 2.5

Livorno

Livorno – la piccola Venezia

15Mag

Livorno è situata sulla bella costa toscana. Nacque nel sedicesimo secolo proprio sul mare per i traffici commerciali dei Medici e diventò uno dei porti principali d’Europa.

Ancora oggi è un luogo ricco di storia e di fascino, una città legata al mare fin dalle sue radici che racchiude tradizioni, racconti, profumi e sapori.

Uno dei quartieri più caratteristici e conosciuti di Livorno è il Quartiere Venezia, questo quartiere è il centro storico di Livorno, anche se non coincide con il nucleo d’origine.

Crearono il quartiere nel 1700 per agevolare il trasporto di merci verso il porto; infatti, è caratterizzato da ponticelli, canali e piazzette che riportano alla memoria la bellissima Venezia.

Questo quartiere è l’unico a non essere stato distrutto dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, così si trovano ancora gli antichi e sfarzosi palazzi dei mercanti dell’epoca nei quali al piano terra si trovavano i magazzini. I canali ospitavano le chiatte per il trasporto delle merci, oggi sostituite dalle imbarcazioni dei pescatori.

Il Quartiere Venezia di Livorno affascina turisti e passanti grazie alle sue atmosfere magiche. Per questo, ogni anno, tra luglio ed agosto si svolge proprio qui la bellissima manifestazione “Effetto Venezia”.

Durante queste serate le strade, le piazze e i ponti del quartiere si riempiono di bancarelle, mostre, eventi, spettacoli e musicisti; la manifestazione nasce negli anni ’80 per riqualificare questo angolo di Livorno e mettere in mostra la storia e l’architettura del quartiere.

Durante la sera, le luci dei locali, dei lampioni e delle bancarelle creano effetti magici sull’acqua e vi trasportano in un luogo fuori dal tempo.

Foto: LucarelliEffetto Venezia 2007CC BY-SA 3.0

Parco Gallorose

Parco Gallorose a Cecina

17Apr

Il Parco Gallorose è un’azienda agricola, trasformata successivamente in parco faunistico, situato a Cecina.

Nato nel 2001 ogni anno si arricchisce e si evolve e il suo scopo principale è quello di diffondere l’importanza della biodiversità e di educare all’uso sostenibile delle risorse naturali.

Canguri, bertucce, volpi fennec e scoiattoli giganti sono solo alcune delle 150 specie di animali che si trovano nel Parco Gallorose; potrete infatti osservare mammiferi ed uccelli esotici, ma anche tipici del territorio di Cecina come il cavallino di Monteruforli e la cinta senese.

Per 3 km all’interno del Parco Gallorose si diramano i percorsi che vi porteranno alla scoperta degli animali, ma anche della storia di quest’azienda e del territorio.

All’interno del Parco Gallorose si trovano, infatti, diversi musei ricavati da vecchi edifici dell’azienda agricola che contengono mostre e oggetti degli inizi del ‘900.

Un museo dedicato ai giocattoli d’epoca, per riscoprire i passatempi dei bambini dall’inizio del secolo scorso ad oggi; un museo sugli oggetti da lavoro dell’azienda agricola e un altro sulla vita quotidiana con oggetti d’epoca del ‘700.

Il Parco Gallorose offre anche punti di ristoro, un servizio bar per panini, caffè, bibite e gelati oppure il ristorante self service che offre pranzi veloci.

All’interno del parco si trova anche un ristorante vero e proprio di cucina tipica, i piatti che vengono serviti sono tutti preparati con ingredienti prodotti esclusivamente all’interno dell’azienda.

Il Parco Gallorose è un luogo dove andare alla scoperta della natura, delle tradizioni e dei sapori di questa bellissima area della Toscana.

Tombolo di Cecina

Riserva naturale Tombolo di Cecina

13Mar

La Riserva naturale Tombolo di Cecina è una delle riserve italiane più belle, un luogo di pace e tranquillità a pochi passi dal mare.

Questa bella pineta fu creata dal Granduca di Toscana, Leopoldo, nel 1800 con lo scopo di proteggere le coltivazioni dei contadini locali dal vento e dalla salsedine che provenivano dal mare.

È così che oggi possiamo godere di questo spazio verde che offre ombra e fresco durante le calde giornate estive. La Riserva naturale Tombolo di Cecina si estende per 15 chilometri tra macchia mediterranea, pineta e dune di sabbia, i così detti Tomboli. La vegetazione è anche ricca di fiori, come il giglio e il papavero di mare e all’interno del parco si trovano cespugli di ginepro e lecci.

All’interno della Riserva naturale Tombolo di Cecina si sviluppano diversi percorsi, sentieri facili da percorrere anche dai bambini e altri percorribili in bicicletta o a cavallo.

Lungo i sentieri ci sono punti di sosta, panchine e tavolini dove godersi un pic nic o riposarsi al fresco.

Durante la visita nella Riserva naturale Tombolo di Cecina avrete l’opportunità di seguire le tracce dei tanti animali che abitano il parco come volpi, istrici, conigli e caprioli e di vedere le specie di volatili che popolano questa zona.

Giardino Sospeso

Il Giardino Sospeso

13Feb

Per chi cerca divertimento e adrenalina durante le afose giornate estive, nella località di Riparbella, in Val di Cecina, immerso nel verde della macchia mediterranea e tra le alte querce si trova il parco avventura Il Giardino Sospeso.

Questo particolare parco offre percorsi natura, acrobazie a mezz’aria, tiro con l’arco, arrampicate e tante altre divertenti attività da svolgere nel bosco.

Il parco avventura Il Giardino Sospeso mette a disposizione diversi percorsi acrobatici sugli alberi, fatti da piattaforme collegate tra di loro da funi, ponti e carrucole di diversa difficoltà.

Potrete affrontare passerelle traballanti e tunnel sospesi tra gli alberi in completa sicurezza. Sarete, infatti, dotati di imbracature, caschi, moschettoni e sarete preparati da un breve corso di sicurezza tenuto dagli istruttori che saranno sempre a vostra disposizione durante i percorsi.

Il Parco Il Giardino Sospeso ha percorsi dedicati ai bambini, ai ragazzi e ha diversi livelli di difficoltà per gli adulti, e durante l’estate organizza eventi e intrattenimento alla scoperta della natura e del bosco.

Il parco è aperto dal 1 Marzo al 30 Novembre e durante l’estate potrete partecipare a escursioni, corsi ed eventi speciali organizzati dal preparatissimo staff del parco Il Giardino Sospeso.

All’interno del parco potrete trovare un’area giochi dedicata ai bambini molto piccoli oltre ed una zona picnic con barbecue a vostra disposizione.

Enogastrionomia

Enogastronomia della Costa degli etruschi

16Gen

La Costa degli Etruschi è un luogo ricco di storia e di natura da visitare per il suo patrimonio di ritrovamenti risalenti a vari periodi storici, per le sabbiose spiagge e il bellissimo mare e per gli spettacolari borghi medievali immersi nelle colline.

Non bisogna però dimenticarsi che le antiche origini della Costa degli Etruschi hanno influenzato anche la sua enogastronomia.

Per questo, la Costa degli Etruschi racchiude anche tantissimi itinerari che riguardano i sapori di quest’area, come quelli che seguono le Strade del Vino e dell’Olio, che portano alla scoperta di borghi medievali e di ricette tradizionali.

Ma anche solo passando dalle città costiere e dai paesini interni sulle colline potrete scoprire il gusto di questa terra e potrete assaporare i vini d’origine antica.

Proprio in questa zona, infatti si trova il borgo di Montescudaio, famoso per il suo vino e per la sua tradizione enologica con radici etrusche; ma anche Bibbona, famosa per il suo Terratico di Bibbona DOC, e come non parlare di Bolgheri, terra famosa per i suoi vini di fama internazionale.

La gastronomia della Costa degli Etruschi è ricca e varia tra piatti di pesce e carne; i sapori si mescolano e si creano abbinamenti di gusto unici.

Il Cacciucco è uno dei piatti più famosi, ma anche il baccalà e le triglie alla Livornese; ci sono poi piatti di terra e di selvaggina, da gustare con i vini rossi della zona, ravioli, spiedini, salsicce e insaccati.

La Costa degli Etruschi è un concentrato di storia, sapori e profumi da visitare e scoprire lentamente.